sabato 19 maggio 2007

COMBATTIAMO LA PEDOFILIA

Perché parlarne? La risposta è semplice: per combatterla alla luce del sole. I mass-media, i vari talk-show dicono che bisogna sempre parlare dei problemi, sviscerarli in ogni loro punto, e allora facciamolo! Non saremo di certo noi a debellare del tutto questa malattia, ma quel che importa è l'INFORMAZIONE, e l'AZIONE TEMPESTIVA nell'avvisare chi di dovere, e che abbia l'autorità di prendere in mano la situazione.
Cos'è la pedofilia? La pedofilia è un disturbo mentale, per il quale un adulto si sente attratto sessualmente dai minorenni, o per meglio dire, dai bamibini. C'è chi vede in queste creature indifese e cariche di energia, un oggetto sessuale.
L'unica domanda che viene spontanea di porsi è: com'è possibile che certe persone siano attratte dai bambini? Purtroppo nel mondo ci sono un sacco di “situazioni inspiegabili”, e questa è una di quelle. Molte teorie cercano di dare un senso, studiare, capire perché il pedofilo si senta attratto dai bambini, e ne riceva un senso di appagamento nel vederli per esempio nudi. Il pedofilo purtroppo, si sente in diritto di abusare del bambino, in quanto nella sua mente, ritiene di non fare del male al bambino, che per quanto sia incosciente forse all'inizio, crescendo mostrerà sicuremente dei disturbi nati proprio dall'abuso di cui è stato vittima da piccolo. Gravi danni alla psiche si possono ricevere con dei maltrattamenti in giovane età, quindi figuriamoci come possa distruggere un'esistenza, un evento del genere. Molte (purtroppo) testimonianze, raccontano non senza lacrime e disgusto anche per il proprio stesso corpo che non si ama più, come un abuso di queto tipo, ti segni la vita. Noi dunque, che siamo fortunati e non ce ne accorgiamo, non possiamo restare a guardare, o a far finta di nulla, ma dobbiamo fare quel che possiamo, come per esempio sensibilizzare le masse e fare attenzione affinché non avvenga nessun atto di pedofilia sotto i nostri occhi. Perché? Semplicemente per aiutare i nostri bambini farli sentire amati, poiché in un futuro, saranno loro a diventare adulti e ad allevare altri bambini. La scienza, la psicologia umana, cercano di fare il possibile, per studiare questo disturbo mentale e confidiamo nella ricerca. La soluzione adottata ora è la punizione per i pedofli, il carcere. D'accordo o no, bisogna punire certi comportamenti, o correggerli. Come dicevo prima, l'unica cosa che possiamo fare noi, da “comuni mortali”, è segnalare ogni possibile caso di pedofilia, che sia on-line e no. Vorremmo che la rete fosse immune da certi pericoli, e già tanto si fa a questo scopo, ma non si è mai davvero liberi di navigare senza incappare in pagine “ambigue”. Questa iniziativa nasce proprio da una situazione del genere. Quanti banner dicono di combattere la pedofilia e poi in realtà cliccandolo, è un indirizzo per un sito porno? Tutto ciò è alquanto squallido. No?
Spesso e volentieri sentiamo ai tg che hanno trovato materiale pornografico che rappresentasse dei bambini. Il nostro compito è proteggere i bambini da questi pericoli, e denunciare chiunque abbia degli atteggiamenti TROPPO PARTICOLARI per essi, che da soli non possono difendersi. Vogliamo davvero vedere piangere i bambini, per colpe non loro?

PER I BAMBINI DI RIGNANO FLAMINIO, PER I BAMBINI DI BRESCIA E PER TUTTI I BAMBINI DEL MONDO, IO DICO "NO ALLA PEDOFILIA!!!!"

1 commento:

indio ha detto...

anche io dico NO ALLA PEDOFILIA con te sorella !
bacione
indio

NON ABBANDONATE GLI ANIMALI

NON ABBANDONATE GLI ANIMALI
Un amico è per sempre.......

i miei amori a 4 zampe

i miei amori a 4 zampe
Dalik

Kjra

Kjra
Kjra 01-06-1997 / 17-08-2013

Zeus

Zeus
ci ha lasciato l'8 Marzo 2012